L'ABRUZZO

protagonista a CASA SANREMO

2019

Abruzzo

L’Abruzzo (o gli Abruzzi) (IPA: /aˈbruttso/AbbrùzzeAbbrìzze o Abbrèzze in abruzzese, Abbrùzzu in aquilano) è una regione a statuto ordinario dell’Italia meridionale, compresa tra il mare Adriatico e l’Appennino centrale, con capoluogo L’Aquila. L’Abruzzo è legato storicamente, culturalmente, linguisticamente ed economicamente all’Italia meridionale, pur potendo essere considerato centrale dal punto di vista geografico.

La Costituzione italiana del 1948 contemplava l’istituzione della regione Abruzzi e Molise, ma la riforma del 1963 stabilì il distacco del Molise dall’Abruzzo (entrambe le regioni divennero poi effettivamente operative a partire dal 1970). Ad ogni modo fin dal 1233, con la costituzione del Giustizierato d’Abruzzo ad opera di Federico II di Svevia, per la prima volta nella storia veniva identificato formalmente quel territorio che da quel momento in avanti verrà conosciuto come Abruzzo.

Occupa una superficie di 10 831 km² e ha una popolazione di 1 312 581 abitanti. È diviso in quattro province: L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo, e in 305 comuni. Confina a nord con le Marche, ad est con il mare Adriatico, ad ovest con il Lazio e a sud con il Molise. Si divide principalmente in una parte costiera nel versante orientale con le spiagge dell’Adriatico, e in una parte montuosa dal lato occidentale con il Gran Sasso d’Italia (2 914 m s.l.m.), la Majella (2 793 m s.l.m.) e il Sirente-Velino (2 487 m s.l.m.) che costituiscono i tre massicci montuosi più alti dell’intera catena appenninica.

Secondo l’Huffington Post statunitense, l’Abruzzo è quinta tra le dodici migliori regioni al mondo per la qualità della vita.Vanta il titolo di “Regione verde d’Europa”, grazie alla presenza dei suoi tre parchi nazionali (il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco nazionale della Majella e il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga), del Parco naturale regionale Sirente-Velino, dell’Area marina protetta Torre del Cerrano e delle trentotto aree protette che rappresentano il 36,3% della sua superficie totale, la più alta in Europa. All’interno delle numerose aree protette, disseminate non solo sulla dorsale appenninica, ma anche sulle dolci e fertili colline dell’entroterra e lungo i 130 km di costa, è custodito oltre il 75% delle specie animali e vegetali del continente europeo; sul versante settentrionale del Gran Sasso si trova il ghiacciaio Calderone, il più meridionale del continente.

Economicamente, l’Abruzzo è la regione più ricca dell’Italia meridionale, in quanto il suo PIL pro capite è il più elevato di tutte le regioni dell’Italia meridionale e insulare; inoltre, dopo il Trentino-Alto Adige, è la regione in Italia con la più alta percentuale di investimenti fissi lordi sul PIL.

Secondo l’ISTAT l’Abruzzo è una delle regioni italiane con più basso tasso di mortalità per tumori, con minori emissioni di gas serra per abitante, con maggiori consumi di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e con minore diseguaglianza nella distribuzione dei redditi. Inoltre, è tra le regioni italiane con il più alto numero di località, ben 23, presenti nel prestigioso club “I borghi più belli d’Italia”, che pongono così la regione al secondo posto nazionale.

Quando il giornalista e diplomatico Primo Levi (da non confondere con l’omonimo Primo Levi, scrittore sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz) visitò la regione, colpito dalla sua bellezza e dall’animo dei suoi abitanti, definì l’Abruzzo “forte e gentile”. Quella citazione è da quel momento il motto della regione e dei suoi cittadini.

Fonte: Wikipedia

TERRITORI PROTAGONISTI

2019