Wrongonyou

Wrongonyou: conosciamo i finalisti di AmaSanremo

Wrongonyou e le “Lezioni di volo”

Nell’articolo precedente avevamo già conosciuto Merlot, uno dei quattro protgonisti della puntata del 29 ottobre di AmaSanremo. Insieme a lui, Wrongonyou ha superato la semifinale classificandosi tra gli artisti che accederanno alle fasi successive, con le “Nuove Proposte” di Sanremo Giovani 2021.

Wrongonyou

Wrongonyou è Marco Zitelli, romano, classe 1990: nel 2013 inizia a scrivere brani electro-folk e a pubblicarli sul suo profilo Soundcloud. Viene notato dal professore di Sound Technology dell’Università di Oxford, che lo invita a registrare quattro brani nei recording studios dell’università. Sono gli stessi dove nel ’91 i Radiohead registrarono “Manic Hedgehog”. Con il suo primo demo “Hands” inizia a trovare consensi: apprezzato della scuola romana, ha già alle spalle oltre 200 concerti e la sua musica è arrivata anche in Europa. Wrongonyou si è esibito in alcuni tra i più importanti festival musicali a Bruxelles, Bilbao, Parigi e Clermont Ferrand, e nel 2017 al Primavera Sound di Barcellona.

Nel 2019 pubblica il suo disco “Milano parla piano“, in seguito è protagonista dei Notturni di Rockit realizzando assieme a Coma_Cose una cover di “Razzi, arpia, inferno e fiamme” dei Verdena. Il ragazzo dei record è stato tra i due artisti più apprezzati della prima serata di AmaSanremo, lo show in onda su Rai 1 fino al 17 dicembre.

Verso Sanremo 2021

AmaSanremo è il nuovo progetto dedicato ai Giovani in gara al 71° Festival di Sanremo, condotto da Amadeus, per cinque giovedì, a partire dal 29 ottobre, per stabilire i 10 artisti che accederanno alla serata finale. Stasera, a partire dalle ore 22.45, si sfideranno altri 4 artisti su Rai 1 e Rai Radio 2 per accedere al “grande salto” verso Sanremo, con la conduzione di Amadeus.

Per scoprire le date delle prossime puntate, segui questo link o clicca qui sotto!

 

There are 1 comments

  1. Pingback: Gaudiano e I Desideri: nuovi finalisti di AmaSanremo

Comments are closed.