Vai al contenuto

Annachiara Amato – Matematicamente | Casa Sanremo Writers – Serie TV

La scrittrice Annachiara Amato è tra i finalisti del Concorso Casa Sanremo Writers 2022 – Serie TV con il libro “Matematicamente”

 

Nell’ambito del Concorso “Casa Sanremo Writers – Serie TV”, l’autrice Annachiara Amato è arrivata tra i finalisti della competizione letteraria dedicata al piccolo schermo. La sua opera, intitolata “Matematicamente“, è stata attentamente valutata dalla giuria presieduta da Maurizio De Giovanni, scrittore, sceneggiatore e drammaturgo italiano autore di numerose produzioni di successo.

Di certo, “Matematicamente” è un testo capace di stupire e affascinare, grazie alla notevole abilità dell’autrice Annachiara Amato.

Ecco perché ve la presentiamo in questa intervista, in attesa della serata conclusiva di Casa Sanremo Writers che si svolgerà nella settimana del Festival.

 

Cinema e libri: qual è il canale di comunicazione, a tuo parere, più efficace?

A mio parere, cinema e libri sono mezzi di comunicazione con lo stesso livello di efficacia, oggettivamente parlando, ma è chiaro che l’uno prevale sull’altro nel momento in cui entra in gioco la dimensione soggettiva. Per alcuni il cinema risulta essere più efficace del libro, per la sua capacità di coniugare parole e immagini nel raccontare un’unica grande storia; per altri, invece, il libro è insostituibile, soprattutto perché lascia spazio all’immaginazione e consente di vivere le varie vicende come se fossero momenti della propria vita. Personalmente, tra i due mezzi scelgo il libro perché riesce sempre a darmi una forte emozione, con quel sentore quasi mistico che mi trasmettono le pagine quando vado avanti nella storia.

 

Cita un personaggio dell’opera presentata a Casa Sanremo Writers, e spiegaci cosa racconta di te.

Un personaggio del mio testo, “Matematicamente“, che presenta alcuni tratti in comune con me è sicuramente la protagonista, Imma Cimmino. Imma è una donna forte e intraprendente, ma allo stesso tempo con una serie di fragilità che la rendono estremamente empatica, tant’è vero che molti studenti della scuola dove lavora – il Convitto Vittorio Emanuele II – si rivolgono a lei per essere ascoltati e ricevere consigli. Probabilmente, con Imma condivido proprio questa intraprendenza, questa forza di volontà che, anche quando sembra sia esaurita, emerge sempre e mi aiuta ad affrontare qualsiasi situazione mi si ponga dinanzi. Entrambe siamo animate dalla voglia di andare oltre che, d’altronde, è uno dei motivi per cui ho deciso di partecipare a questo concorso. Ed entrambe abbiamo un legame particolare con la scuola. La scuola, infatti, ha sicuramente un ruolo importante nella mia vita, non solo perché trascorro la maggior parte del tempo tra i banchi insieme ai miei amici, ma anche perché potrebbe rappresentare il mio futuro lavorativo. Quindi, Imma è come se fosse la mia umbra futurorum, la possibile me del futuro, impegnata nel posto che più di tutto considero casa.

 

Un motivo per cui ti piacerebbe vincere è…

Personalmente penso di aver già vinto, per il solo fatto di essere tra i finalisti di questo concorso. Mi rende felice anche l’aver fatto una nuova esperienza, utile alla mia crescita sia personale sia culturale, essendo questo il primo evento letterario a cui ho preso parte. Però è anche giusto che risponda alla domanda in maniera sincera: sarebbe da ipocrita dire che non sogni la vittoria, sia perché sarebbe una bella soddisfazione personale, sia per l’opportunità che potrebbe offrirmi questo evento per il mio futuro professionale. Infatti, potrebbe essere questa un’occasione per conoscere il mondo, abbastanza ignorato dai più, della scrittura di testi per programmi televisivi o serie TV.

 

Continua a seguirci per scoprire tutti gli autori finalisti del Concorso Casa Sanremo Writers!