A Casa Sanremo il libro di Beppe Convertini per i bimbi Siriani e Birmani

Quest’oggi, la rassegna Writers ha ospitato un volume nato con un Obiettivo Socialeben preciso. Beppe Convertini, introdotto da Cataldo Calabretta e l’Ass. Regionale Ilaria Cavo, ha presentato il suo primo libro I Bambini di Nessuno”, edito da Ad maiora di Giuseppe Pierro, il racconto fotografico delle ultime missioni umanitarie che l’autore ha fatto, per Terre Des Hommes, nei campi profughi Siriani ad Aarsal, al confine Siriano Libanese, a Zarqa, al confine Siriano Giordano e nelle baraccopoli del Myanmar.La testimonianza fotografica, più di ogni altro elemento di comunicazione, rende immediato il concetto che si vuole esprimere, con incisività senza molti giri di parole. 

A proposito del suo impegno con i meno fortunati, Convertini ha dichiarato: “È stato molto emozionante stare a contatto con i piccoli birmani e con i bambini profughi siriani delle popolazioni meno abbienti perché ho potuto dedicare molto tempo giocando con loro e portando loro cibo, indumenti, libri, quaderni e cercando di dare loro la possibilità di andare a scuola vivendo una quotidianità quasi al pari degli altri bambini più fortunati. In sostanza provare a far vivere ai bambini la vita di un bambino. Porterò nel mio cuore i loro sguardi e i loro sorrisi e ogni giorno che passerà avrò sempre un pensiero per i miei bambini siriani e birmani”.

Il ricavato derivante dalla vendita del libro, andrà ai bambini Siriani e Birmani in quanto devoluto alla fondazione Terre DesHommes.