Writers: Olimpio Talarico, Emilio Orlando e Rita Cavallaro nel salotto culturale di Casa Sanremo

Per la rassegna Witers, questa sera, a Casa Sanremo, il nostro salotto culturale ha ospitato 22 Gradini per l’Inferno, il libro scritto a quattro mani da Emilio Orlando e Rita Cavallaro, insieme a Olimpio Talarico, autore di Cosa Rimane dei Nostri Amori.

Introdotti da  Cataldo Calabretta, nell’Ivan Graziani Theatre di Casa Sanremo, gli autori hanno raccontato le loro opere: Orlando e la Cavallaro hanno parlato del loro viaggio negli abissi più profondi e bui della mente umana, attraverso le storie de serial killer italiani più spietati. Dal mostro di Nerola al Landru della Bassa, dalla Saponificatrice di Correggio al killer delle prostitute, fino al mostro di Firenze e tanti altri.
Sulla base delle irresistibili pulsioni criminali, del modus operandi e del movente, leggendo questo libro, pagina dopo pagina scoprirete la vera natura del male, misurata sui ventidue livelli della Scala della malvagità, inventata dallo psichiatra forense della Columbia University, Michael Stone.

Olimpio Talarico, invece, ha presentato Cosa Rimane dei Nostri Amori, una “storia meridionale” il cui protagonista è Caccuri, un borgo calabrese che è un piccolo scrigno di ricchezze contrastanti, di asprezze e dolcezze insieme. Con i suoi odori, i suoi sapori, i suoi colori. E naturalmente i suoi misteri.
Olimpio Talarico, crotonese di nascita, vive e cresce a Caccuri, ha pubblicato i romanzi “Il due di bastoni” selezionato tra i 19 finalisti del “Premio Tropea” e finalista del premio Kriterion città di Avellino e “L’assenza che volevo”, oltre alla raccolta di racconti “Racconti fra Nord e Sud” Rubbettino editore.