A Casa Sanremo l’incontro Dal Digitale Al Vinile – Quali Prospettive Per Gli Artisti?

In occasione della 69esima edizione del Festival, lo Studio Legale Dike ha deciso organizzare a Casa Sanremo l’incontro “Dal digitale al vinile – Quali prospettive per gli artisti?”, per porre l’accento su temi particolarmente caldi: la discussione, a Bruxelles, della direttiva Copyright e del mercato unico digitale, con le relative ricadute sugli Artisti e i titolari dei diritti d’autore costretti, pare, a dover segnare il loro percorso professionale in un mondo in continuo divenire.

«Abbiamo sentito l’esigenza di organizzare questo dibattito approfittando di una occasione davvero unica: la presenza di tutti gli operatori del settore. – commenta Maria Francesca Quattrone partner fondatore dello Studio Legale Dike – Poiché siamo a Sanremo e parliamo di musica abbiamo pensato fosse importante avere un momento di riflessione e di discussione su come costruire una carriera artistica oggi. […] È importante capire da dove si è partiti, dove ci si trova e verso quali scenari ci si deve proiettare. È importante capire il mercato discografico – anche a livello di numeri – come si presenta nel nostro Paese e nel mondo.»

Insieme alla Quattrone, Luca De Gennaro (Responsabile Area Musicale Viacom Sud Europa) ha moderato l’incontro a cui hanno preso parte:

I produttori discografici ed editori Enzo Mazza (Presidente SCF), Sergio Cerruti (Presidente AFI), Roberto Razzini (AD Warner Chappel Music Italia/Consigliere di Gestione SIAE) e Andrea Rosi (Presidente & Ceo Sony Music Ent. Italy); i distributori, fisici e digitali, Chiara Santoro (Music Content Partnerships manager, Italy, Spain & Portugal, YouTube & Google Play) e Claudio Ferrante (CEO & Founder Artist First); il manager Paolo D’Alessandro (Motion Management – (Caparezza e Nickelback), Daniele Parascandolo (Direttore Artistico Magellano Concerti) e Andrea Miccichè (Presidente Nuovo Imaie).

 

Mentre tutto sembra andare verso la digitalizzazione delle opere e degli sfruttamenti, o verso sistemi basati su registri distribuiti, come la Blockchain ed i biglietti elettronici nominativi (per ovviare al secondary ticketing) molti artisti scelgono il vinile: certo, questo non modifica il percorso del mercato, ma forse è un segnale che va ascoltato.