LIGURIA ROOF

2020

2020

Il Roof è l’esclusivo ristorante di Casa Sanremo, riservato agli artisti, giornalisti e sponsor.

Ogni giorno gli chef resident di Dispensa Italiana, affiancati da chef provenienti da tutte le regioni, portano in tavola l’eleganza e la tradizione gastronomica italiana.

La Liguria (AFI: /liˈɡurja/; Ligûria in ligure) è una regione italiana a statuto ordinario dell’Italia nord-occidentale di 1 566 992 abitanti, con capoluogo Genova.

È bagnata a sud dal Mar Ligure, a ovest confina con la Francia (regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra), a nord con il Piemonte e con l’Emilia-Romagna e a sud-est con la Toscana. La regione fa parte dell’Euroregione Alpi-Mediterraneo.

Il suo nome deriva dall’antica popolazione dei Liguri, anche se in realtà i confini della Liguria antica erano molto più estesi di quelli dell’attuale regione ed includevano tutta la pianura piemontese a sud del Po, l’attuale Lombardia sud-occidentale dall’Oltrepò pavese fino alla confluenza del Ticino nel Po, le zone collinari e montuose del Piacentino, l’attuale Lunigiana e il Nizzardo fino al fiume Varo; gli attuali confini amministrativi, definiti solo nel 1923, coincidono in gran parte con quelli della storica Repubblica di Genova.

La storia di questi luoghi aiuta senz’altro a comprendere l’origine dei piatti caratteristici, tra cui è possibile annoverare la farinata “panissa” e polpettone, le trofie al pesto e il coniglio alla ligure. Seguono anche i prodotti tipici della tradizione del territorio ed è quindi impossibile non menzionare il Frisceu, cucinato in umido oppure in bianco con i pinoli, come pure la tradizionale cima genovese, cui Fabrizio de Andrè ha anche dedicato una celebre canzone  çímma, oppure la celebre focaccia di Recco, un’altra bontà ligure a base di farina di ceci, acqua e olio; viene cotta in una teglia di rame nel forno a legna. Assaggiatela appena sfornata: con la superficie dorata e croccante e la parte inferiore morbida e gustosa. Esistono anche qui diverse varianti: all’impasto base si può aggiungere rosmarino, o borragine, o carciofi tagliati sottili, funghi, gorgonzola, cipollotti affettati e bianchetti!

Ultimo, ma non meno importante, il basilico dop, con il suo profumo inconfondibile e persistente,ingrediente principe del pesto. Ad esso è dedicato anche il Campionato mondiale del pesto al mortaio che si svolge ogni due anni a Genova.