Con Giuseppe Greco la Calabria arriva a Casa Sanremo

Tra i collaboratori storici di Casa Sanremo, fondatore della GG Eventi e presentatore non solo per passione, anche per la 12esima edizione, Giuseppe Greco sarà responsabile dell’Ivan Graziani Theatre di Casa Sanremo, nonché referente per tutte quelle realtà calabresi che vorranno valorizzare i propri prodotti di punta nella settimana del Festival.

In quest’intervista ci racconta in cosa consiste il suo lavoro e cosa si aspetta da quest’edizione:

L'intervista a Giuseppe Greco
– Anche quest’anno, rappresenti la Calabria a Sanremo: cosa ti aspetti da quest’edizione?

Sicuramente il riscontro e il successo di sempre. Casa Sanremo è una bella esperienza per chi vi lavora, per le persone che la visitano ma, soprattutto, vorrei che fosse un’esperienza indimenticabile per le aziende calabresi che porteremo, così che possano avere un buon riscontro con vecchi e nuovi clienti. In questo modo sarò sicuro di aver fatto un buon lavoro.

 

– Secondo te, quali sono i 3 ingredienti più rappresentativi del tuo territorio?

Prima di tutto è fondamentale che chi arrivi in Calabria trovi l’accoglienza e il sorriso, solo in un secondo momento arrivano gli ingredienti alimentari. Penso che queste siano le due cose che ci contraddistinguono maggiormente, e che devono far stare bene chi visita la nostra terra.

 

– Sarai il responsabile di un importante spazio, l’Ivan Graziani Theatre: cosa ti aspetti da questo ruolo?

Spero che portando avanti questo compito possa avere l’occasione di fare nuove esperienze, di imparare tante cose, di acquisire nuove competenze… Spero di fare bene, il Presidente Vincenzo Russolillo crede in me e io ci crederò più di lui. In aggiunta credo che chi vive Casa Sanremo come collaboratore, è importante che, in un certo senso, passi da tutti i livelli, da tutti i settori, perché più conosci i reparti, i ruoli, le persone e le varie attività più la vivi bene, a fondo e, naturalmente, più impari ovviamente, perché stiamo parlando di un evento che spazia in tanti campi, e quindi dà occasione di acquisire competenze su diversi fronti.

 

– In una parola, secondo te, come sarà la prossima edizione di Casa Sanremo?

Straordinaria, come sempre. Per me sarà sempre come la prima volta, ricca di grandi emozioni, con l’adrenalina addosso che non deve mancare mai, perché per riuscire al meglio bisogna stare sempre concentrati sull’obiettivo, non farsi distrarre dai grandi ospiti e artisti che la frequentano. La grande sfida è proprio questa: saperla vivere al massimo e, allo stesso tempo, essere molto concentrati sul proprio lavoro.