Stefano Serra: nell’Area Benessere di Casa Sanremo vi farò sognare con il mio Dream

Padre e specialista del “Dream massage”, l’unico massaggio olistico che si compone di ben 11 tecniche differenti, dal trattamento deep surf al californiano, dal fisioterapico all’ayurveda,premiato come migliore in Italia, Stefano Serra, anche per l’edizione 2018 di Casa Sanremo coordinerà l’Area Benessere. Nonostante i vari successi ottenuti nelle varie hospitality dei grandi eventi italiani, da Missi Italia al Festival di Sanremo, il professore di Napoli continua a definirsi “un umile operaio dell’anima“, per il quale, il massaggio, resta un grande gesto d’amore e in quest’intervista ci racconta cosa ha in serbo per gli ospiti della prossima edizione di Casa Sanremo:

L'intervista a Stefano Serra
Stefano Serra

– Da diversi anni coordini l’Area Dream a Casa Sanremo: cos’è cambiato in questi anni?

È cambiata sicuramente il grado di esperienza e la maturità diversa per come si organizza il tutto, per come ci si pone nei confronti dell’evento: la maggiore esperienza ti dà più sicurezza e, quindi, la possibilità di essere più sereno.

– Quale tema hai scelto per l’Area Dream di quest’anno?

Il mio primo anno il tema era sale, con una grande grotta di sale, sulla quale era riprodotto una gigantografia del ritratto di Carlo Conti. L’anno scorso abbiamo incentrato tutto sull’acqua, con fontane a cascata e acquari, quest’anno, invece, l’elemento principale sarà il legno.

Ho scelto un legno di amore, un legno ecologico, per realizzare il quale non vanno distrutte le foreste intere. Questo legno d’amore, come amo chiamarlo, è prodotto da una grande azienda bergamasca, la Déco di Paolo Damiani, Mattia Bambi ed Eugenio Lorenzo Caselli.

Tra gli altri partner della nostra Area Dream, poi, è doveroso ricordare il compianto Dario Montorfano, che ci ha lasciati improvvisamente qualche mese fa, Presidente della Scuola TAO, che sarà presente con i suoi operatori:mi sarebbe piaciuto dedicargli l’intera area, e posso dire che di tutto per portare alto il suo nome, il nome di una persona che ha dato tanto, tutto, in questo settore.

Confermiamo, poi, la Parnership con Emozioni Olfattive e con Divise & Divise che vestirà sia i dreammini (operatori del Dream, ndr) dell’Area Dream che quelli nella Luxury Room, dove allestiremo una Smart Spa, sempre in legno naturale e ecologico, in cui i nostri operatori, in maniera esclusiva, coccoleranno i nostri ospiti speciali.

Da ricordare, inoltre, la casa editrice che ci porterà il progetto Masterness Job, a firma di Duilio La Tegola, una lettura intensa e di grande ispirazione che, per qualcuno, potrà “trasformare il dreamin realtà”.

Tutto questo sarà possibile anche grazie al Patron di Casa Sanremo, Vincenzo Russolillo, che voglio ringraziare pubblicamente perché,per il terzo anno di fila, mi ha permesso di essere il Direttore di questa prestigiosa Area Benessere.

Un altro ringraziamento va alla Exit Communication che, con il suo supporto professionale, mi permette di essere affiancato da tante eccellenze italiane.

Su tutti, però, un ringraziamento va al Dott. Mario Pagliari, ex Presidente degli albergatori campani: un uomo che è riuscito a creare una struttura unica, l’hotel San Francesco al Monte, che ospita da sei anni, in esclusiva, il Dream Massage. Nella Spa del San Francesco, che ho l’onore di dirigere, abbiamo avuto il piacere diospitare artisti e addetti ai lavori di casa Sanremo e, il Dott. Pagliari, nonostante non sia più un ragazzino, non ha mai smesso di credere nei Dream, e nei sogni, grazie al suo valore umano e professionale, un esempio per tanti giovani… ecco perché l’Area Dream è anche di Mario Pagliari.

– A parte il legno e la Smart Spa, ci saranno altre novità per te a Casa Sanremo 2108?

Abbiamo aumentato un po’ il numero dei dreammini e dreammine, quest’anno saranno 10 e sono già tutti pronti ed emozionati per cercare di migliorare il servizio offerto negli anni passati.

– Cosa ti aspetti da quest’edizione?

Sicuramente di poter cementare il rapporto con Gruppo Eventi e, chissà che dopo l’Area Dream a Casa Sanremo e a La Casa di Miss Italia non riusciremo a portare l’Area Dream anche in altri eventi del Consorzio…

–  Altri progetti imminenti per Stefano Serra?

Posso dire che nel 2018 ci sarà un grosso progetto di formazione con la più grande scuola di formazione in Italia, di cui non posso ancora svelare di più al momento. Anche se continuo a ribadire di sentirmi un umile operaio dell’anima, non dimentico il mio passato da Professore e, quindi, la mia attenzione all’insegnamento resta costante.

– In una parola, come sarà l’edizione di Casa Sanremo 2018?

Sarà un Dream, come sempre. Sarà sicuramente bellissimo rivedere i tanti amici conosciuti nelle scorse edizioni, perché in un contesto come Casa Sanremo si creano tanti rapporti un po’ con tutti.

Voglio, infatti, fare anche tanti auguri al nostro Luca Brachetti, reporter dell’Area Dream dalle scorse edizioni, che, quest’anno ha anche la responsabilità di un bel contest fotografico, altra novità di Casa Sanremo 2018.

Concludo dicendo che a Casa Sanremo ci sarà anche una grande sorpresa, da parte di una grande azienda che, però è ancora top secret: quando sarà il momento, intanto capiranno a cosa mi riferivo.