Sharon Alario: tutti i colori dell’area Fashion di Casa Sanremo

Frizzante, simpatica, solare, Sharon Alario è la responsabile dell’area Fashion per Casa Sanremo 2017. Ventitré anni ma già tanta esperienza e professionalità, e soprattutto tantissima voglia di fare, in quest’intervista si racconta e ci racconta cosa ha in serbo per la settimana del Festival.

L'intervista a Sharon Alario
sharon_alario_credits_alberico_bortolin_
Modella, fotomodella, conduttrice, concorrente di reality game… in quale ruolo ti rivedi maggiormente?

Per Casa Sanremo sarò autrice di un format Fashion mai visto prima: perché voglio mostrare la moda prêt-à-porter con un linguaggio di comunicazione tipico dell’alta moda, che si potrà ammirare durante le sfilate. Come Giovanni Rana mette la sua faccia nei tortelli, io metterò il mio volto di conduttrice in questa manifestazione.

L’incontro con Fiorello e lo spot con lui hanno rappresentato un po’ una svolta nella tua carriera: ci racconti com’è stato?

È stato un momento che ha cambiato e segnato la mia vita per sempre. Era gennaio 2014 e io avevo appena perso mio nonno, la persona più importante della mia vita. Avevo promesso a lui che sarei diventata una grande donna e così, al ritorno dal primo week end in cui ero andata a Milano in cerca della mia fortuna, come fanno tanti, in stazione centrale, mentre aspettavo il treno per tornare a Mantova, mi sono imbattuta nel set della Wind.

Forse era scritto nel mio destino, o forse il mio amore per il mondo dello spettacolo, della televisione era così forte che, invece di allontanarmi come era stato richiesto dalla produzione dello spot, il regista notando probabilmente qualcosa in me, qualcosa di frizzante, mi ha presa letteralmente e “buttata” sul set. Così sono diventata testimonial della Wind insieme a Fiorello. È stata una grande emozione.

Emozione è la parola che meglio descrive anche quello che sto vivendo ora perché tutte le grandi imprese sono un grande onore ma anche un grande onere. E io ho preso un grande impegno che voglio portare avanti con grandissimo successo.

In passato sei stata al Festival di Sanremo come inviata per conto di un’emittente radiofonica: com’è tornarci da responsabile area Fashion di Casa Sanremo?

Quando l’anno scorso “volavo” da una sala all’altra a Casa Sanremo per interviste e tante altre cose, sono capitata anche nell’area Fashion e non vi nego che prendevo appunti perché, mi dicevo, “l’anno prossimo qui voglio esserci io!”. Sanremo per me, poi, ha un valore speciale nel cuore, e far parte di Casa Sanremo nei giorni del Festival per me è innanzitutto un grande amore che sta diventando realtà.

Come nasce il rapporto con Gruppo Eventi?

Tutto è nato in maniera molto simpatica. Ci siamo conosciuti a Miss Italia e io che avevo già questa “frenesia” di portare questa novità nel Fashion ho fatto in modo di parlare con chiunque. Ho assediato tutti, compreso Vincenzo Russolillo, per arrivare a parlargli ed esporre la mia idea. Sicuramente, riuscire ad entrare in rapporto con una realtà come Gruppo Eventi per me è una grande opportunità. Inoltre, credo molto nella legge dell’attrazione e nel team di Gruppo Eventi vedo una gran bella squadra, una grande famiglia e nel momento in cui sono riuscita ad entrarci in contatto ho provato subito un grande desiderio di unirmi a loro.

Alla fine ce l’hai fatta, quindi chi la dura la vince…

Esatto. Assolutamente sì. Per me ora è importantissimo creare una grande impronta fashion che emozioni e dia un messaggio alle persone di quanto la moda possa influenzare la vita di tutti i giorni. D’altronde ciò che indossiamo è l’espressione del nostro carattere, di ciò che pensiamo in un certo senso. Sfruttando, quindi, quella che è un’importante tradizione italiana come il Festival di Sanremo, voglio portare una novità nell’ambiente Fashion.

Cosa stai preparando per quest’edizione? Cosa dobbiamo aspettarci?

Stiamo lavorando molto per far funzionare al meglio il trinomio che unisce il lato fashion con quello mediatico-televisivo, con la “frizzantezza” del sorriso e l’appoggio degli enti e delle autorità che ci stanno sostenendo e credendo molto in questo progetto.

Cos’è la “moda” per te?

Per me la moda è arte, oltre a essere espressione dell’anima di una persona perché lo stesso capo d’abbigliamento, indossato da persone diverse crea effetti differenti. Essa, quindi, è arte personalizzata, perché dà effetti sempre diversi. Ed è proprio questo il bello.

Hai un consiglio per i giovani, ragazzi e ragazze, che vorrebbero provare a entrare nel mondo dello spettacolo?

Il mondo dello spettacolo è un’altra dimensione della realtà, è un mondo bellissimo, ricco di sfumature e chi decide di entrarci per avere successo deve amarlo totalmente. Se si viene spinti da quest’amore si troverà la propria strada, la propria caratterizzazione perché poi questo è un mondo fatto da tantissimi ruoli, anche da chi sta dietro le quinte, ad esempio, come gli autori.

Prima di ogni cosa, quindi, bisogna fare un’analisi profonda nel proprio cuore, se vi si trovano le giuste ragioni e motivazioni per entrare in questo mondo, sicuramente si troverà la giusta strada.

Prova a sintetizzare in una frase: cosa ti aspetti di vivere a Casa Sanremo?

Emozioni, applausi e colori. La parola “colori” racchiude tantissimi significati, dal lato emozionale a quello di “tessuti” vero e proprio. E a Casa Sanremo vedremo moltissimi colori calcare la passerella, in ogni senso.

Dai il tuo arrivederci speciale a Casa Sanremo 2017 a tutti coloro che ci seguiranno.

In primis è doveroso un saluto a Vincenzo Russolillo, Fofò e Daniela Serra perché sono felicissima di entrare a far parte di questa famiglia. Voglio poi salutare tutto il mio team che, in questo momento, è impegnato per Casa Sanremo Fashion: tantissime persone che stanno lavorando duramente con l’obiettivo comune di realizzare una grandissima manifestazione.

Come dico sempre a loro: Forza! Forza! Che portiamo a casa il risultato!